martedì 4 luglio 2017

INDIA - Il tempio d’oro di Amritsar

Il tempio d’oro di Amritsar



Amritsar è il capoluogo del distretto di Amritsar, nello stato federato del Punjab del quale è la città principale nonché il centro culturale e spirituale della religione sikh

Il tempio d’oro dei Sikh di Amritsar è una destinazione che sicuramente non deluderà il visitatore. Una volta varcata la porta d’ingresso la confusione della cittadina, con strade strette e pullulanti di ogni attività, sarà un ricordo.


Una delle prime cose che si nota è la pulizia, il bianco dei marmi brilla alla luce. La pulizia non è solo opera dei volontari con le scope, pulire è un modo per espiare i peccati.


La città di Amritsar prende il nome dalla vasca sacra, amrit sarovar (la pozza dell’ambrosia) costruita nel 1577. L’acqua è miracolosa, non solo purifica anima e corpo ma guarisce dalle malattie. Se ad attirarvi non è la fede potete sedervi ai bordi della vasca a osservare i devoti o gli innumerevoli pesci che sguazzano  incuranti degli umani (la pesca è assolutamente proibita). 


Girando in senso orario attorno all’vasca si nota un antico albero a cui rami sono legati fili colorati e su cui riposano una quantità incredibile di uccelli: è il Ber Baba Budha Sahib, un albero che ha più di 450 erotti anni, più vecchio di qualsiasi altra costruzione attuale poiché l’antica struttura del tempio costruita nel 1604 è stata più volte distrutta e restaurata.


Il tempio d’oro, il nome originario è Harmandir, si trova su un’isola artificiale collegata alla terra ferma da un passaggio coperto detto il ponte del Guru.
Dall’altro lato c’è l’Akal Takht, un palazzo a più piani centro delle attività secolari della comunità sikh.


Un museo con la storia dei sikh è collocato all’interno dell’Akal Takht, se volete approfondire la conoscenza della religione. 
Il tempio d’oro è il centro più importante per i Sikh ed è aperto a tutti, senza alcuna discriminazione. 



Per entrare basta togliersi le scarpe, coprirsi la testa e mettere via le sigarette che sono strettamente proibite in tutta l’area del complesso

Meglio evitare la visita nelle ore più calde, al meno che non abbiate piedi di zinco per camminare sul marmo bollente. 



La notte il fascino di questo tempio acquista ancora più profondità. La confusione diminuisce, le cupole si riflettono nell’acqua simile a uno specchio



Come arrivare:

L’aeroporto di Amritsar (11 km) ha collegamenti diretti con Delhi, Chennai, Mumbai e Srinagar
Alla stazione ci sono treni da/per Delhi (455 km, dalle 7 alle 12 ore di viaggio), Mumbai e Kolkata.

foto: Viaggiatori on the road

Nessun commento:

Posta un commento